Ultima modifica: 4 giugno 2017

Lombardia Orientale 2017 – Regione Europea della Gastronomia

Il Progetto

Il progetto nasce a livello europeo, e raccoglie attorno a sé un network di regioni coordinato dall’istituto internazionale IGCAT, International Institute of Gastronomy, Culture, Arts and Tourism. Tramite l’assegnazione del titolo European Region of Gastronomy a regioni meritevoli selezionate da una giuria di esperti internazionali, l’obiettivo che il progetto si prepone è duplice. Da una parte, esso vuole promuovere la valorizzazione delle culture alimentari tipiche, stimolare l’innovazione gastronomica e incentivare una sempre maggiore educazione alimentare e sostenibilità ambientale. Allo stesso tempo, è ritenuta fondamentale la creazione di occasioni di scambio e confronto tra i vari attori internazionali e i partner del progetto, al fine di favorire la collaborazione, lo scambio di nuove pratiche, l’innovazione e la visibilità anche degli operatori locali su scala internazionale.

Il progetto European Region of Gastronomy nasce come strumento di valorizzazione locale e di integrazione e scambio internazionale, grazie all’azione di un istituto di coordinamento indipendente – IGCAT, International Institute of Gastronomy, Culture, Arts and Tourism – e di nove regioni fondatrici – Marsiglia- Provenza (Francia), Lombardia (Italia), Riga-Gauja (Lettonia), North East Brabant (Paesi Bassi), Minho (Portogallo), Aarhus (Danimarca), la Catalogna (Spagna), Malta, Sibiu e la Transilvania (Romania).

I dieci soggetti sopra-elencati decidono di unirsi per dare vita a tale progetto al fine di venire incontro a esigenze specifiche, che si sono esplicitate sempre più a livello mondiale negli ultimi anni. Difatti, parallelamente al processo di globalizzazione e di crescente industrializzazione che dal secolo scorso ha influenzato sempre più le vite dei consumatori in tutto il mondo, si è creato nella maggior parte di questi un duplice desiderio: da una parte, di andare alla scoperta delle specifiche e particolari culture enogastronomiche che caratterizzano i diversi territori, dall’altra di rivalorizzare la propria stessa cultura culinaria e i propri prodotti. Questi, difatti, si configurano non solo come testimoni di un patrimonio culturale importante e di tradizioni che rischiano di essere oscurate dall’internazionalizzazione e crescente interconnessione del mercato mondiale, ma diventano anche strumenti essenziali per favorire uno sviluppo sostenibile e promuovere un’alimentazione salutare.

In linea con queste nuove tendenze, il premio nasce proprio per favorire l’integrazione tra cultura, turismo e gastronomia, per valorizzare le culture alimentari locali, che rappresentano una ricca fonte di diversità culturale, economica e sociale, e per incentivare l’uso di metodi di produzione e di consumo sostenibili, parallelamente alla diffusione di una sempre maggiore educazione alimentare.

Per incentivare e consentire il raggiungimento di questi importanti obiettivi, il progetto prevede ogni anno l’assegnazione del titolo European Region of Gastronomy a 2 o 3 regioni selezionate da una giuria di esperti internazionali, coordinati da IGCAT, che valutano i candidati sulla base di quella che è la loro predisposizione verso i principali obiettivi, ovvero:

  • Nutrire il pianeta
  • Educazione alla salute
  • Innovazione
  • Supporto all’entrata delle PMI nel nuovo mondo globale
  • Agenda digitale
  • Competitività mondiale
  • Integrazione tra locale e globale
  • Sostenibilità e valorizzazione della diversità culturale e alimentare

La regione Lombardia Orientale

Il progetto Lombardia Orientale 2017 – Regione Europea della Gastronomia nasce a seguito della decisione dei Comuni e delle Camera di Commercio di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova, oltre che di Regione Lombardia e con il coordinamento dell’Università degli studi di Bergamo, di unirsi e promuoversi come unica grande destinazione turistica, puntando sul connubio tra patrimonio artistico e naturalistico e la grande tradizione enogastronomica che vantano.

L’importante Award riconosce l’eccellenza dei quattro territori coinvolti e vede gli sforzi congiunti dei 10 enti a collaborare, condividendo obiettivi importanti e qualificanti per l’area.

I numeri raccontano la ricchezza del patrimonio enogastronomico offerto dalla Lombardia Orientale: 22 ristoranti stellati (di cui due 3 stelle), 10 tra i migliori ristoranti nella guida Gambero Rosso, 22 ristoranti Identità Golose.

Un panorama davvero di rilievo, che nel complesso della Lombardia Orientale vede 2 vini DOCG, 13 vini DOC e 10 vini IGT, presenti in tutto il territorio; o delle acque minerali, come la S. Pellegrino. 16 prodotti DOP, 9 IGP, 11 Presìdi Slow Food, e tanti prodotti artigianali di qualità, valorizzati anche attraverso l’importante presenza delle 8 Strade del Vino e dei Sapori, che offrono percorsi del gusto e permettono la riscoperta di prodotti di nicchia.

753 agriturismi e 115 fattorie didattiche permettono di presentare a pieno titolo un territorio enogastronomicamente rilevante a livello europeo.

Il progetto dell’Università degli Studi di Bergamo

L’Università di Bergamo è soggetto attivo tra quelli che hanno contribuito a portare avanti la candidatura della Regione Lombardia Orientale. Tra le attività svolte erano previste alcune che hanno anche le scuole superiori. In particolare è stato elaborato un progetto che ha coinvolto le scuole supserioriddi tutte e quattro le provincie e che per la Provincia di Bergamo  ha avuto come beneficiari circa 140 studenti degli istituti superiori di secondo grado:

  • Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione di San Pellegrino Terme (che ha partecipato con la classe 5C)
  • Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale “Vittorio Emanuele II” – Bergamo
  • Istituto Tecnico Agrario I.I.S. Mario Rigoni Stern – Bergamo
  • Scuola paritaria iSchool – Bergamo
  • Istituto Statale di Istruzione Superiore “Guido Galli” – bergamo

Articolazione del progetto

Lezione plenaria: 5 maggio 2016. Introduzione al progetto alla presenza di tutti gli studenti di tutte le scuole coinvolte.

Laboratori del Gusto:  maggio 2016. Nel mese di maggio sono organizzati Laboratori del Gusto, per ognuna delle classi coinvolte, a cura di Slow Food, finalizzati all’approfondimento della conoscenza relativa ai prodotti del territorio, sistema produttivo e sostenibilità di filiera, con la seguente struttura: introduzione generale, proiezione di un filmato di presentazione, Laboratorio del Gusto.

Successivamente: nel corso dell’a.s. 2016/17 gli studenti dei vari istituti, supportati dai rispettivi Condigli di Classe,  hanno sviluppato e organizzato delle proprie idee in itinerari tematici che sono stati poi valutati da una commissione giudicatrice appositamente costituita.

l’IPSSAR di San Pellegrino Terme vincitore del Progetto ERG

La mattina del 2 maggio 2017 presso la sala conferenze della sede di Sant’Agostino dell’Università di Bergamo si è tenuta la cerimonia di presentazione e di premiazione degli itinerari enogastronomici ideati nell’ambito del Progetto Regione Europea della Gastronomia-Lombardia Est coordinato dall’Ateneo cittadino. Otto gli itinerari candidati, elaborati da istituti della provincia di Cremona e della provincia di Bergamo e giudicati da una prestigiosa giuria composta da rappresentanti dell’Università di Bergamo, della Fondazione Slow Food e dell’Ufficio Scolastico Provinciale.

I criteri di valutazione hanno considerato gli elementi di originalità, di fattibilità, di sostenibilità e di coerenza rispetto alle indicazioni date ed alle tematiche proposte.

Il primo premio è stato assegnato all’itinerario: “SaporiTiamo tra via Priula e Mercatorum” progettato dalla classe 5^C Enogastronomia del nostro Istituto e che ha portato alla produzione di una guida turistica ed ad un ricettario attraverso la valorizzazione degli attrattori storico-artistici ed enogastronomici del nostro territorio.

Alla presenza del Dirigente Scolastico, prof. Brizio L. Campanelli e della referente del progetto, prof.ssa Cristina Rottoli, ogni studente della classe vincitrice ha ricevuto in omaggio un abbonamento annuale per l’ingresso in tutti i musei della Regione Lombardia.

Si tratta di un importante riconoscimento ad un lavoro didattico che ha impegnato la classe per un intero anno e che ha avuto la sua celebrazione finale durante la cena di gala organizza nella serata di gala del 12 maggio 2017 nel corso della quale, alla presenza del Direttore della Rappresentanza Iitaliana di Milano della Commissione Europea, dei rappresentanti dell’Universtità degli Studi di Bergamo, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, di Turismo Bergamo, il lavoro premiato è stato presentato ai Lions Club Vallebrembana e Valleseriana.

L’itineraio e il ricettario

I materiali prodotti possono essere liberamente scaricati dal sito:

 

Allegati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi